Non è Casablanca,
colonnello Rey 
 

Libia 2015
L'agente senza pistola
tra i tagliagole dell'ISIS

 

Le storie del colonnello Rey:
Il colonnello Rey, suppongo
Un doppio enigma, colonnello Rey
Non è Casablanca, colonnello Rey
Tutti i  miei libri

 

Come è nata la terza storia

Roma, luglio 2015. Sono seduto al tavolino di un bar con un amico, lettore entusiasta delle avventure del colonnello Rey. È il professor Karim Mezran, nato a Tripoli, vissuto in Italia e ora negli Stati Uniti. Esperto di questioni internazionali e soprattutto del Nord Africa, ora fa parte di un think tank vicino alla Casa Bianca.

«Quando arriva la terza storia?», mi chiede.
«Ci sto pensando. Ho in mente un intreccio che incomincia con Rey che deve sventare un attentato elettronico dell'ISIS, devastante, ma non ho deciso dove ambientarlo... Forse in una immaginaria ex-repubblica sovietica. O forse in Libia, che ne dici?».
«E' una buona idea. Adesso in Libia il DAESH...».
Karim racconta. In meno di mezz'ora ho in testa la parte centrale della storia.

Due mesi di ricerche frenetiche e di incontri con persone che conoscono la Libia. Scambi di email e di telefonate via Skype con Karim, che nel frattempo è ritornato in America. Ai primi di novembre il romanzo ha preso forma.

Quando incomincio a scrivere una storia, non so bene come andrà a finire. Certo, ho un'idea della conclusione, ma spesso la narazione prende la mano del narratore e la vicenda va avanti da sola. Ed ecco il mio ex-tenente colonnello che si becca un proiettile di Kalashnikov. Una brutta ferita, rischia di finire dissanguato. Come lo tiro fuori da questa situazione?
All'ultimo momento... All'ultimo momento devono arrivare "i nostri", come da tradizione. E i "nostri" non possono essere che i corpi speciali delle forze armate italiane.

Così incomincia una nuova ricerca. Cosa sono i corpi speciali, come si addestrano, che cosa fanno? Quando mi pare di saperne abbastanza, scrivo un finale con gli incursori del Comsubin che arrivano dal mare e portano via il ferito in gommone. Ma è realistico?
Mi serve un consulente. Chiedo in giro, interpello qualcuno che mi aveva dato qualche "dritta" per le primi due storie.

Pochi giorni dopo incontro il Comandante Lupo in persona. Gli faccio leggere la scena.
«Non va proprio così, va bene lo sbarco con i gommoni, ma poi lo portano via in elicottero», dice.
«Potresti scriverla tu, la scena?», chiedo.
Dopo un paio di giorni arriva un racconto adrenalitico, perfetto. Devo solo tradurlo dal militarese e fonderlo con quello che, intanto, succede a Roma.
Carlo Alberto Rey è salvo, pronto per un'altra avventura.

Ma qui incomincia un'altra avventura: quella del libro in cerca di un editore. Ve la racconterò presto, perché è interessante per capire qualche aspetto del mercato editoriale in Italia.

Per inviare una recensione o un commento, accedi a Facebook

© 2018 Manlio Cammarata    Informazioni sul copyright